Passa ai contenuti principali

Napoli, “il veleno non si compra al supermercato”: ma non si ritrova mettendo in discussione Gattuso

Ogni volta che Gennaro Gattuso si presenta ai microfoni dopo una sconfitta si ha una sensazione di deja-vu: l'ex tecnico del Milan lamenta una mancanza di mentalità dei suoi (a dire il vero spesso anche dopo le vittorie), di quella cattiveria propedeutica alla continuità di risultati necessaria per ambire ad un piazzamento di primo piano in campionato.
Perdere 3-1 con le stesse modalità intraviste ieri al Bentegodi solo una settimana dopo il roboante 6-0 alla Fiorentina, lasciando per un attimo da parte il doloroso ko in Supercoppa, è un preoccupante campanello d'allarme sulla personalità molto altalenante di un Napoli incapace di approfittare degli episodi in giornate in cui il motore della squadra non gira al massimo: nel caso di specie il vantaggio dopo soli otto secondi firmato da Hirving Lozano grazie ad un regalo dell'Hellas.
Mettere in discussione però la conferma dell'allenatore, come filtrato nelle ultime ore con Juric e il cavallo di ritorno Benitez che sono stati accostati alla panchina azzurra, non sembra la soluzione più logica. Se il problema non è di natura tecnica, dove trovare un motivatore migliore di Gattuso che sappia toccare le corde emotive del gruppo? Resta il fatto che il rinnovo di contratto sembra eternamente in stand-by, con riflessioni da ambo le parti sulle reali prospettive di crescita. I margini per migliorare il bilancio di 6 sconfitte in 18 partite nel girone di andata comunque ci sono: non va mai dimenticato che il Napoli ha dovuto fare di necessità virtù per lungo tempo senza Osimhen e Mertens (come togliere Lukaku e Lautaro all'Inter), che pur non rappresentando la formula magica per far scomparire i limiti caratteriali della squadra, aumenteranno sicuramente il grado di apprensione delle difese avversarie.

Commenti

Post popolari in questo blog

E' MORTO DIEGO ARMANDO MARADONA : Napoli e il mondo piangono el pibe de oro

A 60 anni è morto Diego Armando Maradona. L'ex leggendario calciatore del Napoli, del Barcellona e della Nazionale argentina, è deceduto secondo quanto riportano il Clarin e la CNN."Il quotidiano di Buenos Aires racconta che Maradona “ha subito un arresto cardiorespiratorio nella casa di Tigre dove si era stabilito dopo l’operazione alla testa”.Diego è stato il più grande di sempre, la Fifa lo ha eletto miglior calciatore del XX secolo al pari del brasiliano Pelé.″È triste perdere amici in questo modo” ha commentato Pelé, che da sempre si contende con Maradona la palma del calciatore più forte di tutti i tempi.“Sicuramente un giorno giocheremo insieme lassù in cielo”.Una lunghissima carriera da professionista, ha militato nell’Argentinos Juniors, nel Boca Juniors, nel Barcellona, nel Napoli, nel Siviglia e nel Newell’s Old Boys.Ha segnato il gol del secolo ai mondiali del 1986 in Messico – che vinse con l’Argentina – contro l’Inghilterra. Nella stessa partita segnò un gol di m

Serie A, il calendario della stagione 2020/2021

1° giornata - 20 settembre, 31 gennaio Benevento-Inter Fiorentina-Torino Genoa-Crotone Juventus-Sampdoria Lazio-Atalanta Milan-Bologna Parma-Napoli Sassuolo-Cagliari Udinese-Spezia Verona-Roma 2° giornata - 27 settembre, 7 febbraio Bologna-Parma Cagliari-Lazio Crotone-Milan Inter-Fiorentina Napoli-Genoa Roma-Juventus Sampdoria-Benevento Spezia-Sassuolo Torino-Atalanta Verona-Udinese 3° giornata, 4 ottobre-14 febbraio Atalanta-Cagliari Benevento-Bologna Fiorentina-Sampdoria Genoa-Torino Juventus-Napoli Lazio-Inter Milan-Spezia Parma-Hellas Verona Sassuolo-Crotone Udinese-Roma 4° giornata - 18 ottobre, 21 febbraio Bologna-Sassuolo Crotone-Juventus Inter-Milan Napoli-Atalanta Roma-Benevento Sampdoria-Lazio Spezia-Fiorentina Torino-Cagliari Udinese-Parma Verona-Genoa 5° giornata - 25 ottobre, 28 febbraio Atalanta-Sampdoria Benevento-Napoli Cagliari-Crotone Fiorentina-Udinese Genoa-Inter Juventus-Verona Lazio-Bologna Milan-Roma Parma-Spezia Sassuolo-Torino 6° giornata - 1 novembre, 3 m

Finalmente Juventus-Napoli: le quote della Supercoppa Italiana

Da Aurelio De Laurentiis era arrivata la proposta provocatoria di rinviare a tempi migliori la disputa della Supercoppa, cogliendo la palla al balzo delle positività riscontrate a Torino, ma alla fine Juventus-Napoli andrà in scena al Mapei Stadium di Reggio Emilia. Con buona pace delle Asl, il primo confronto stagionale tra gli ex campioni d'Italia e d'Europa col Milan e del mondo con l'Italia, Andrea Pirlo e Gennaro Gattuso, stavolta avrà luogo. Le due squadre ci arrivano con stati d'animo decisamente contrapposti: i bianconeri sono reduci da un cocente ko nel derby d'Italia mentre gli azzurri hanno fatto il pieno di autostima dopo le sei reti rifilate alla Fiorentina. Tre i precedenti tra le formazioni per aggiudicarsi il trofeo, con due successi partenopei (1990 e 2014) e uno juventino (2012). I betting analysts comunque non si fidano né della tradizione sfavorevole né del momento molto delicato che sta attraversando la Vecchia Signora; la Juventus resta favori