Passa ai contenuti principali

Il grande gelo tra Gattuso e De Laurentiis: lo sfogo post Parma e la prospettiva di una separazione dietro l’angolo


Le vittorie non sempre sono sufficienti a riportare il sereno, perché è spesso più facile levarsi qualche sassolino dalle scarpe al termine di 90' che hanno fruttato tre punti preziosi. Lo ha fatto anche Rino Gattuso, che ha sfogato nel post partita col Parma la frustrazione per gli attacchi gratuiti ricevuti nell'ultima settimana, non mascherando la delusione per il mancato appoggio da parte della società di fronte alle critiche. Il Napoli gli ha rinnovato la fiducia con uno striminzito tweet ma ormai tra il tecnico azzurro e De Laurentiis è piombato il gelo.
D'altronde Gattuso ancora prima che un allenatore è un uomo che dà valore alla sostanza più che alla forma, ai rapporti più che alle garanzie economiche, ad un progetto condiviso più che alle promesse in campagna acquisti; e non ha fatto mistero di non aver gradito i sondaggi esplorativi verso Allegri, Benitez e Mazzarri alle prime difficoltà. Il rinnovo di contratto che era stato praticamente annunciato e che era legato solo ad alcune formalità da completare, adesso sembra ogni giorno più utopia. Nonostante la Coppa Italia vinta lo scorso anno e nonostante la squadra, che ha dimostrato di essere con lui, sia attualmente in corsa su tre fronti.
"Non mi sento a mio agio qui, da un po' di tempo c'è qualcosa che non va. Non si respira una bella aria. Il rapporto con il presidente è stato sempre positivo, ma non posso negare negli ultimi giorni c'è stata un po' di delusione da parte mia. Io non mi sono permesso, anche se non ho firmato, di andare… e tante squadre mi hanno contattato. Ma io non mi sono seduto a tavolino con nessuno". E da affermazioni di questo genere raramente si torna indietro..

Commenti

Post popolari in questo blog

E' MORTO DIEGO ARMANDO MARADONA : Napoli e il mondo piangono el pibe de oro

A 60 anni è morto Diego Armando Maradona. L'ex leggendario calciatore del Napoli, del Barcellona e della Nazionale argentina, è deceduto secondo quanto riportano il Clarin e la CNN."Il quotidiano di Buenos Aires racconta che Maradona “ha subito un arresto cardiorespiratorio nella casa di Tigre dove si era stabilito dopo l’operazione alla testa”.Diego è stato il più grande di sempre, la Fifa lo ha eletto miglior calciatore del XX secolo al pari del brasiliano Pelé.″È triste perdere amici in questo modo” ha commentato Pelé, che da sempre si contende con Maradona la palma del calciatore più forte di tutti i tempi.“Sicuramente un giorno giocheremo insieme lassù in cielo”.Una lunghissima carriera da professionista, ha militato nell’Argentinos Juniors, nel Boca Juniors, nel Barcellona, nel Napoli, nel Siviglia e nel Newell’s Old Boys.Ha segnato il gol del secolo ai mondiali del 1986 in Messico – che vinse con l’Argentina – contro l’Inghilterra. Nella stessa partita segnò un gol di m

Serie A, il calendario della stagione 2020/2021

1° giornata - 20 settembre, 31 gennaio Benevento-Inter Fiorentina-Torino Genoa-Crotone Juventus-Sampdoria Lazio-Atalanta Milan-Bologna Parma-Napoli Sassuolo-Cagliari Udinese-Spezia Verona-Roma 2° giornata - 27 settembre, 7 febbraio Bologna-Parma Cagliari-Lazio Crotone-Milan Inter-Fiorentina Napoli-Genoa Roma-Juventus Sampdoria-Benevento Spezia-Sassuolo Torino-Atalanta Verona-Udinese 3° giornata, 4 ottobre-14 febbraio Atalanta-Cagliari Benevento-Bologna Fiorentina-Sampdoria Genoa-Torino Juventus-Napoli Lazio-Inter Milan-Spezia Parma-Hellas Verona Sassuolo-Crotone Udinese-Roma 4° giornata - 18 ottobre, 21 febbraio Bologna-Sassuolo Crotone-Juventus Inter-Milan Napoli-Atalanta Roma-Benevento Sampdoria-Lazio Spezia-Fiorentina Torino-Cagliari Udinese-Parma Verona-Genoa 5° giornata - 25 ottobre, 28 febbraio Atalanta-Sampdoria Benevento-Napoli Cagliari-Crotone Fiorentina-Udinese Genoa-Inter Juventus-Verona Lazio-Bologna Milan-Roma Parma-Spezia Sassuolo-Torino 6° giornata - 1 novembre, 3 m

Cristiano Ronaldo e la Juventus: “fino alla fine” o “vincere è l’unica cosa che conta”?

Negli ultimi giorni il processo mediatico che si è scatenato intorno alla Juventus dopo l'eliminazione dalla Champions League per mano del Porto, ha trovato, con ragioni anche fondate, il suo bersaglio preferito in Cristiano Ronaldo; il campionissimo preso per spostare gli equilibri in campo internazionale, l'uomo che doveva facilitare l'accesso all'ultimo gradino per salire sul tetto d'Europa, se non fosse che le tegole di quest'ultimo sono cadute in testa ai bianconeri facendogli fare un passo indietro in Europa in ognuno degli ultimi tre anni. In seguito alla scena muta del portoghese nel doppio confronto con i Dragoes , si sono sprecate fior fiori di analisi sui freddi numeri vicino alla porta, comunque sempre spaziali, e su quelli ancora più freddi dei conti economici, alla luce dell'investimento da 115 milioni tra cartellino e oneri accessori fatto nell'estate del 2018, a cui va sommato l'esborso di 31 milioni netti all'anno di ingaggio (se