Passa ai contenuti principali

Anche i grandi possono cadere: dentro la crisi di Klopp e Alisson a Liverpool

Agli occhi lontani degli spettatori esterni sembra che alcune squadre che fanno parte dell'elite europea siano quasi inscalfibili, impassibili di fronte ai normali problemi dei comuni mortali del mondo del pallone. Specie una squadra come il Liverpool, che nell'ultimo triennio ha vinto tutto riscrivendo i libri dei record della Premier League.
Eppure tutto il mondo è paese, e neanche un top manager come Jurgen Klopp dispone di una formula magica per far sì che i suoi giocatori mantengano gli altissimi standard di rendimento a cui hanno abituato. La stagione dei Reds non è partita e non sta proseguendo sotto una buona stella, a cominciare dalla mole di infortuni che ha fatto fuori tutti i difensori centrali, primo fra tutti ovviamente quel Van Dijk andato ko a causa di un intervento killer di Pickford durante il derby contro l'Everton. Se alla scelta obbligata di schierare spesso e volentieri due centrocampisti nel cuore della retroguardia, si sommano le prestazioni in chiaroscuro di alcuni leader del gruppo, nonché di alcuni acquisti (chi ha detto Thiago?) ecco che la frittata è fatta.
Nelle ultime due partite è toccato ad Alisson diventare protagonista in negativo con errori ripetuti e gravi, inspiegabili e inaspettati da un portiere che a Roma viene ricordato con grande nostalgia, la cui ombra ingombrante ancora aleggia sopra ai suoi successori tra i pali dell'Olimpico. Dopo la sciagurata performance nel big match contro il Manchester City, un'uscita sconclusionata dell'estremo difensore brasiliano ha vanificato quanto di buono Firmino (autore di un assist meraviglioso per Salah) e compagni avevano fatto vedere per più di un'ora al King Power Stadium, con sprazzi incoraggianti di quel gegenpressing tra i segreti principali dei successi del Liverpool.
I paragoni con il reietto Karius hanno cominciato a moltiplicarsi ma Klopp ha difeso il suo numero uno, settimo nella corsa al Pallone d'oro nel 2019 e vincitore del premio Yashin nello stesso anno, dopo la sconfitta contro i citizens e c'è da scommettere che lo farà ancora: i vincenti non si distinguono per la loro capacità di non cadere mai, ma per come, dopo una caduta, trovano la forza di rialzarsi.

Commenti

Post popolari in questo blog

E' MORTO DIEGO ARMANDO MARADONA : Napoli e il mondo piangono el pibe de oro

A 60 anni è morto Diego Armando Maradona. L'ex leggendario calciatore del Napoli, del Barcellona e della Nazionale argentina, è deceduto secondo quanto riportano il Clarin e la CNN."Il quotidiano di Buenos Aires racconta che Maradona “ha subito un arresto cardiorespiratorio nella casa di Tigre dove si era stabilito dopo l’operazione alla testa”.Diego è stato il più grande di sempre, la Fifa lo ha eletto miglior calciatore del XX secolo al pari del brasiliano Pelé.″È triste perdere amici in questo modo” ha commentato Pelé, che da sempre si contende con Maradona la palma del calciatore più forte di tutti i tempi.“Sicuramente un giorno giocheremo insieme lassù in cielo”.Una lunghissima carriera da professionista, ha militato nell’Argentinos Juniors, nel Boca Juniors, nel Barcellona, nel Napoli, nel Siviglia e nel Newell’s Old Boys.Ha segnato il gol del secolo ai mondiali del 1986 in Messico – che vinse con l’Argentina – contro l’Inghilterra. Nella stessa partita segnò un gol di m

Serie A, il calendario della stagione 2020/2021

1° giornata - 20 settembre, 31 gennaio Benevento-Inter Fiorentina-Torino Genoa-Crotone Juventus-Sampdoria Lazio-Atalanta Milan-Bologna Parma-Napoli Sassuolo-Cagliari Udinese-Spezia Verona-Roma 2° giornata - 27 settembre, 7 febbraio Bologna-Parma Cagliari-Lazio Crotone-Milan Inter-Fiorentina Napoli-Genoa Roma-Juventus Sampdoria-Benevento Spezia-Sassuolo Torino-Atalanta Verona-Udinese 3° giornata, 4 ottobre-14 febbraio Atalanta-Cagliari Benevento-Bologna Fiorentina-Sampdoria Genoa-Torino Juventus-Napoli Lazio-Inter Milan-Spezia Parma-Hellas Verona Sassuolo-Crotone Udinese-Roma 4° giornata - 18 ottobre, 21 febbraio Bologna-Sassuolo Crotone-Juventus Inter-Milan Napoli-Atalanta Roma-Benevento Sampdoria-Lazio Spezia-Fiorentina Torino-Cagliari Udinese-Parma Verona-Genoa 5° giornata - 25 ottobre, 28 febbraio Atalanta-Sampdoria Benevento-Napoli Cagliari-Crotone Fiorentina-Udinese Genoa-Inter Juventus-Verona Lazio-Bologna Milan-Roma Parma-Spezia Sassuolo-Torino 6° giornata - 1 novembre, 3 m

Cristiano Ronaldo e la Juventus: “fino alla fine” o “vincere è l’unica cosa che conta”?

Negli ultimi giorni il processo mediatico che si è scatenato intorno alla Juventus dopo l'eliminazione dalla Champions League per mano del Porto, ha trovato, con ragioni anche fondate, il suo bersaglio preferito in Cristiano Ronaldo; il campionissimo preso per spostare gli equilibri in campo internazionale, l'uomo che doveva facilitare l'accesso all'ultimo gradino per salire sul tetto d'Europa, se non fosse che le tegole di quest'ultimo sono cadute in testa ai bianconeri facendogli fare un passo indietro in Europa in ognuno degli ultimi tre anni. In seguito alla scena muta del portoghese nel doppio confronto con i Dragoes , si sono sprecate fior fiori di analisi sui freddi numeri vicino alla porta, comunque sempre spaziali, e su quelli ancora più freddi dei conti economici, alla luce dell'investimento da 115 milioni tra cartellino e oneri accessori fatto nell'estate del 2018, a cui va sommato l'esborso di 31 milioni netti all'anno di ingaggio (se