Passa ai contenuti principali

Vlahovic nell’elite dei millennials goleador: riuscirà la Fiorentina a blindarlo?

Riuscire ad imporsi e poi a brillare nel contesto di una squadra che vive una stagione di difficoltà non è facile, specie per un classe 2000 al secondo anno di Serie A. È quello che sta facendo però Dusan Vlahovic, che con la tripletta realizzata in 45' sul campo del Benevento ha eguagliato quanto fatto dallo svedese Kurt Hamrin in maglia viola nel 1964, unendosi al gruppo selezionato di giocatori nati nel XXI secolo che hanno raggiunto la doppia cifra di gol: Amine Gouiri del Nizza, l'italiano Moise Kean del Psg e ovviamente il fenomeno Erling Braut Haaland.
Il merito dell'esplosione del bomber serbo, che con i suoi 12 centri in campionato è il motivo principale per cui la Fiorentina riesce a distanziare le zone più calde della classifica, va ascritto principalmente a due persone: sicuramente Prandelli, che dal primo giorno dal suo insediamento gli ha consegnato le chiavi dell'attacco, ma anche Corvino, un po' troppo bistrattato in occasione della sua seconda esperienza a Firenze a dispetto delle sue preziose intuizioni, che lo mise a disposizione della Primavera gigliata acquistandolo giovanissimo dal Partizan Belgrado. A fronte di un rendimento così importante inevitabilmente sono cominciate a risuonare le sirene di mercato, amplificate da un rinnovo di contratto che potrebbe non arrivare mai. La scadenza dell'accordo (2023) in realtà non è così vicina, ma nonostante il rapporto, anche personale, tra Vlahovic e Commisso, l'entourage del centravanti ha fatto capire di non essere attratto dall'entità della proposta economica.
Il numero 9 viene descritto come un professionista estremamente ambizioso e potrebbe essere tentato dalla prospettiva di fare un salto di qualità a fine stagione. Riuscirà la Fiorentina a convincerlo della bontà del progetto e a respingere gli assalti di Milan, Roma, Lipsia e delle altre big che si faranno presto avanti?

Commenti

Post popolari in questo blog

Dzeko e Fonseca firmano l’armistizio: la prima vittoria di Tiago Pinto a Roma

Il legame di Edin Dzeko con la Roma ha sempre vissuto sull'altalena delle emozioni tra gol facili sbagliati, reti da antologia, valigie in mano ad ogni sessione di mercato poi puntualmente disfatte ed una fascia da Capitano che è tornata sul braccio di un giocatore straniero come lui dopo più di 20 anni. Mai però il bosniaco aveva avuto problemi con un allenatore prima delle cronache recenti, nonostante una personalità difficile da gestire e quel linguaggio del corpo sempre un po' indolente nelle giornate meno prolifiche. Il duro faccia a faccia post Spezia con Fonseca sembrava il preludio ad una fine ingloriosa della sua avventura nella Capitale, ma a Trigoria la burrasca sembra finalmente aver lasciato il posto a qualche incoraggiante raggio di sole. Dzeko è tornato ad allenarsi da due giorni in gruppo e il suo nome farà di nuovo capolino tra i convocati, pur rimanendo Pellegrini capitano per una questione disciplinare. Una pace di comodo che è merito sicuramente dell'int

Classifiche squadre e marcatori Serie A - 2019/2020 / 33esima giornata

              Classifica Serie A   2019/2020  ( clicca sulla cl a ssifica per ingrandire) Marcatori Serie A - 2019/2020 ( clicca sulla cl a ssifica per ingrandire) leggi tutto

Roma, la flessione di Pedro preoccupa: il mood “vacanze romane” deve finire dopo la sosta

Se la Roma non riesce a spiccare il volo nei big match, venendo puntualmente ridimensionata, uno dei motivi risiede probabilmente nell'inesperienza ad alti livelli di alcuni titolari dell'undici tipo: giocatori come Ibanez, Villar e Karsdorp hanno mostrato ottime qualità nel corso della stagione, ma non hanno familiarità nel competere per traguardi come la qualificazione alla Champions League, proveniendo chi da mesi in panchina all'Atalanta, chi dalla seconda serie spagnola. Contro il Napoli mancavano, oltre a Veretout, Mkhitaryan e Smalling, due tra i più navigati nella rosa di Fonseca, anche se in campo c'erano comunque Dzeko e Pedro. Lo spagnolo in particolare era stato acquistato in estate a parametro zero dal Chelsea per rappresentare un valore aggiunto in termini di leadership e mentalità vincente, in virtù della sua sconfinata bacheca. Se da questo punto di vista non sembra aver particolarmente inciso sulla maturità del gruppo giallorosso, peraltro con più di un